ekojournal – Free Press – News ed Eventi del Nord Ovest » ATTUALITÀ, TEMPO LIBERO » Una gita fuori porta: Le Isole Borromeo

Una gita fuori porta: Le Isole Borromeo

L'arcipelago delle Isole Borromee è situato nel medio lago Maggiore, a occidente, nel braccio di lago chiamato golfo Borromeo che vede affacciate e contrapposte Stresa e Pallanza.

Isole BorromeeL’arcipelago si compone di tre isole, un isolino e uno scoglio:

• Isola Madre
• Isola Bella
• Isola dei Pescatori
• Isolino di San Giovanni
• Scoglio della Malghera

Storia
Nel XIV Secoli i Borromei, potenti feudatari della zona ma originari di Firenze, divennero proprietari delle isole e iniziarono così la loro trasformazione. Tutt’oggi la famiglia possiede ancora l’Isola Bella e l’Isola Madre, oltre ai due scogli emersi conosciuti come Castelli di Cannero per via delle rovine di due fortificazioni medioevali.
L’isola dei Pescatori è l’unica abitata stabilmente, anche se da una piccola comunità, mentre le due isole “sorelle” sono ambite tra i turisti che ammirano i due splendidi palazzi e i relativi giardini, famosi in tutta Europa per la qualità del paesaggio e per la cura e la varietà delle architetture vegetali, composte da oltre 2000 varietà di specie differenti.
Nell’Isola Madre è presente anche una numerosa fauna di volatili orientali, come pavoni bianchi, fagiani dorati e pappagalli, liberi nello splendido giardino.
L’Isola Bella possiede invece un giardino che, abilmente progettato nei secoli, presenta fioriture multicolori per tutto l’anno, a rotazione tra le varie specie floreali (rose, orchidee, bulbose, magnolie, frutteti, azalee, gardenie, glicini).

__________________________________

Isola Madre
è la più grande isola dell’arcipelago delle Isole Borromee sul Lago Maggiore. Larga 220 metri e lunga 330, l’isola è occupata da alcune costruzioni e soprattutto da giardini. Anticamente era chiamata Isola di San Vittore e successivamente Isola Maggiore.

Storia
Le fonti storiche indicano che nella metà del IX secolo sull’isola è presente la chiesa con abside a pianta quadra (edificio probabilmente costituente il riferimento alla matrice di una macropieve verbanese dedicata a S: Vittore), un cimitero (il cui ricordo si perpetua nella cosiddetta ‘scala dei morti’); non si esclude che vi potesse sorgere anche un piccolo apprestamento militare, in analogia e assonanza con il castrum di S. Angelo sito sull’Isolino di San Giovanni. Per certo si sa che vi erano coltivazioni di ulivi, la cui produzione veniva forse impiegata per usi sacri. A partire dal 1501 Lancillotto Borromeo, uno dei cinque figli di Giovanni III e Cleofe Pio di Carpi, introduce nell’isola le prime coltivazioni di agrumi fatti arrivare dalla Liguria insieme con un giardiniere (“hortolano”) che li accudisca; ordina la costruzione di un primo nucleo della dimora gentilizia, che viene successivamente ampliata in forma rinascimentale negli anni ottanta del Cinquecento da Renato I Borromeo. Sono gli anni in cui si avvicendano nella cura dei giardini gli esponenti di una dinastia di “hortolani”, i Della Torre, che risiederanno all’Isola Madre sino al primo Ottocento. A partire circa dal 1823-25, per impulso dei conti Giberto V e Vitaliano IX Borromeo Arese, ad opera di Renato I, Giacomo e Francesco Rovelli, famiglia di giardinieri originaria di Monza, pur preservando il bosco nella parte verso Nord-Ovest dell’isola, i settori tenuti a frutteto dell’isola vengono convertiti in giardino romantico all’inglese, che ancora viene considerato tra i migliori esempi di quest’arte in Italia.

_________________________________________

isola Bella
è un’isola situata nel Lago Maggiore, fa parte delle cosiddette Isole Borromee e si trova nel golfo Borromeo a circa 400 metri al largo di Stresa. Misura 320 metri di lunghezza e 180 di larghezza ed è interamente occupata dal giardino all’italiana del palazzo Borromeo, che occupa la costa nord-occidentale dell’isola.

Storia
Fino al 1632 l’isola inferiore o “isola di sotto” era uno scoglio roccioso occupato da un minuscolo villaggio di pescatori provvisto di due chiese, una intitolata a san Vittore, presente sin dall’XI secolo, l’altra a san Rocco. I Borromeo, il cui nome iniziale era Vitaliani (provenivano dall’omonima località nel Padovano), ebbero in feudo dai Visconti, nel XV secolo e in varie fasi, tutta questa zona del lago Maggiore, che fu appunto detta “Golfo Borromeo”. Vitaliano I Borromeo fu il primo a concepire il progetto di un incredibile palazzo sull’isola Bella. Ma esso venne realizzato in seguito, soprattutto dal 1632: in quell’anno Carlo III Borromeo iniziò la costruzione di un grandioso palazzo dedicato alla moglie, Isabella D’Adda, affidando i lavori al progettista milanese Angelo Crivelli, al quale si deve anche la progettazione dell’impianto di base dei giardini.
I lavori subirono una pausa d’arresto verso la metà del XVII secolo a causa della grave epidemia di peste scoppiata nel ducato di Milano.

Il giardino
Il palazzo, aperto alle visite, mostra i suoi saloni e camere del piano nobile, realizzati dal XVII al XIX secolo, e nella parte inferiore le grotte, che tanto estasiarono Stendhal. All’interno vi sono tele del Cerano, di Francesco del Cairo, di Giordano (nella sala detta appunto sala di Giordano, sono Il Giudizio di Paride, Europa rapita da Giove trasformato in Toro, Il trionfo di Galatea, di Salvator Rosa, del fiammingo Muller detto il Tempesta (artista ospitato a lungo dai Borromeo, suoi mecenati, che lo avevano anche salvato dal processo di tentato omicidio della di lui moglie), del Nuvolone, di Francesco Zuccarelli, ecc. Da ricordare la galleria degli arazzi, così detta per i suoi enormi arazzi fiamminghi, sei in tutto, del XVI secolo, in seta e oro, il cui tema ricorrente è il Liocorno, emblema dei Borromeo. Negli ambienti del tutto particolari delle grotte, ricoperti di pietre e conchiglie di una infinita varietà di tipi, sono raccolti anche resti archeologici della preistorica Cultura di Golasecca.
Da ricordare anche i giardini con una incredibile varietà di piante esotiche. In essi la parte superiore è quella detta “anfiteatro”, dato che qui si tenevano le rappresentazioni sceniche che appassionavano i Borromeo. Sono qui varie statue, alcune realizzate dallo stesso progettista, il Vismara.

_______________________________

isola dei Pescatori
conosciuta anche come isola Superiore, è l’unica isola dell’arcipelago delle Isole Borromee del Lago Maggiore (comune di Stresa) ad essere stabilmente abitata.
Larga 100 metri per 350 di lunghezza, ospita un piccolo centro abitato, dalle caratteristiche case a più piani (con lunghi balconi per essiccare il pesce), con una piazzetta, caratteristici vicoli stretti, il lungolago e la via principale a permettere gli spostamenti rigorosamente a piedi dei 50 abitanti che vivono di pesca e turismo.
Abitata da almeno 700 anni l’isola presenta una parrocchia dedicata a San Vittore e un belvedere alberato dal lato opposto dell’isola.
D’estate conosce una grande affluenza di turisti che ingombrano i vicoli e comprano oggetti di artigianato locale nel piccolo e caratteristico mercatino. Famosa a Ferragosto è la processione della statua del santo protettore dell’arcipelago su una barca intorno alle isole, circondata da numerosi natanti di turisti e di abitanti della zona.