ekojournal – Free Press – News ed Eventi del Nord Ovest » ATTUALITÀ, COMUNI, Rho » Rho: Al QUIC arriva la Carta di identità elettronica

Rho: Al QUIC arriva la Carta di identità elettronica

Attenzione alle scadenze: il rilascio non è più immediato ed è necessario l’appuntamento.

comune-di-rhoDal mese di settembre è partita anche a Rho la sperimentazione della Carta di identità elettronica (CIE), uno strumento sicuro e completo che vale come documento di identità e di espatrio in tutti i Paesi dell’Unione Europea e in quelli che la accettano al posto del passaporto. I primi cittadini a sperimentare il rilascio del nuovo documento sono stati il Sindaco Pietro Romano e l’Assessore agli Affari generali, Innovazione, semplificazione delle procedure, trasparenza e legalità, Andrea Orlandi. Ad oggi sono già state rilasciate 52 CIE.

Il documento avrà le dimensioni di una Carta di credito e sarà caratterizzato da un microprocessore che consentirà l’acquisizione dell’identità digitale sul Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID) e conterrà le impronte digitali. Al momento del rilascio o  rinnovo della Carta d’identità elettronica, i cittadini maggiorenni potranno esprimere la propria volontà alla donazione di organi e tessuti.

Il nuovo documento, che mantiene la validità di 10 anni, verrà spedito all’indirizzo del titolare dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, in sei giorni lavorativi. Il Comune diventa quindi punto di ricezione della richiesta e non più del rilascio.

Il Sindaco di Rho, Pietro Romano, dichiara: “Continua il nostro percorso di innovazione dei servizi rivolti ai Cittadini. La Carta d’identità elettronica è l’evoluzione del documento di identità cartaceo e contiene elementi di sicurezza ed anti contraffazione. Pur essendo oggi principalmente un documento di identificazione, nel futuro sarà sempre più utilizzato come strumento per l’accesso ai servizi online del comune e di tutta la pubblica amministrazione.”

L’Assessore a Andrea Orlandi, commenta: “Con questo strumento avremo in tasca non più una semplice carta d’identità come siamo abituati a pensare, ma avremo una vera identità digitale. Questo permetterà progressivamente moltissime funzioni, come l’accesso ai servizi pubblici, la possibilità di memorizzare informazioni utili e il potenziale per aggregare su un unico supporto più carte. L’innovazione entra nel rapporto tra pubblica amministrazione e cittadino sempre di più. Ringrazio anche tutti gli operatori del QUIC che hanno accettato la sfida della sperimentazione.”

Il costo del documento è di € 22,00 (di cui € 16,79 a favore dello Stato per la stampa e l’invio ed € 5,21 per i diritti comunali) e di €. 27,00 in caso di rilascio per smarrimento o deterioramento.

Le Carte di identità in formato cartaceo, rilasciate fino all’emissione della CIE, mantengono comunque la propria validità fino alla loro scadenza.

In questa prima fase di sperimentazione, oltre al rilascio della Carta d’identità elettronica sarà ancora possibile per il Comune erogare in alternativa quella cartacea, il cui rilascio resta immediato. Entrato a regime il sistema di emissione del documento elettronico, non sarà più possibile procedere all’emissione della Carta di identità cartacea, se non in casi eccezionali previsti dalla Legge.

Per chiedere la Carta d’identità elettronica, il cui procedimento a Sportello richiede un tempo medio di 30 minuti, sarà obbligatorio fissare un appuntamento su un’apposita  agenda elettronica attraverso il portale https://agendacie.interno.gov.it accessibile anche dal sito del Comune di Rho ove è possibile trovare una guida per la prenotazione.

Per chi non avesse la disponibilità di un PC per la prenotazione potrà utilizzare le postazioni dedicate presso lo Sportello Quic ovvero rivolgersi ad un operatore dell’Infodesk dello Sportello.

All’appuntamento il richiedente deve presentarsi con una fototessera recente, la Carta di identità scaduta (o in scadenza nei prossimi sei mesi) e il codice fiscale e, se cittadino straniero, il titolo di soggiorno in corso di validità.

Se il richiedente non è più in possesso della Carta di identità, perché smarrita o rubata, dovrà consegnare la denuncia di smarrimento o furto e un documento di riconoscimento valido.