ekojournal – Free Press – News ed Eventi del Nord Ovest » COMUNI, San Vittore Olona » Prosegue a San Vittore Olona l’attività di prevenzione oncologica

Prosegue a San Vittore Olona l’attività di prevenzione oncologica

Sabato 27 ottobre ritornano le visite gratuite in piazza della chiesa.

prevenzioneOttobre è il mese della prevenzione oncologica e la giunta comunale di San Vittore Olona ripropone le iniziative diventate ormai consuetudine negli ultimi anni. Il Palazzo Comunale di notte viene illuminato di rosa e lo scorso 11 ottobre si è tenuta una conferenza sulla prevenzione del tumore alla mammella organizzata grazie alla collaborazione dei medici del Poliambulatorio di San Vittore Olona.

Grazie all’impegno dell’Amministrazione Vercesi ci saranno poi le consuete visite gratuite sabato 27 ottobre. Verranno effettuate dal Dr. Giorgio Carnevali presso la Farmacia di Piazza della Chiesa. Fondamentale per la buona riuscita della manifestazione il prezioso supporto CSA e del dell’Ass.ne Amici di villa Adele che si occuperanno dell’accoglienza e delle prenotazioni del pubblico interessato.

Informazione, sensibilizzazione e prevenzione delle patologie oncologiche femminili – dice il Sindaco Marilena Vercesi – sono ormai da anni i nostri obbiettivi in abito socio-sanitario. Anche quest’anno grazie alla disponibilità dei locali della Farmacia di San Vittore Olona e alla professionalità del dott. Carnevali daremo continuità alle visite gratuite di screening, perché se da un lato le diagnosi statisticamente sono in aumento è con la prevenzione che oggi si guarisce di più”.

“La grande affluenza e l’apprezzamento dimostrato dai partecipanti alla Conferenza dell’11 Ottobre – gli fa eco l’Assessore ai Servizi Sociali Antonella Lattauda – dimostrano che la scelta di questa Giunta di dare ampio spazio alla prevenzione ha compreso la necessità delle persone di informarsi sempre di più per evitare l’insorgere di patologie specifiche. E va notato che le presenze, oltre ad essere già numerose, sono in continua crescita ad ogni nuovo appuntamento, segno evidente che l’informazione sul problema non è ancora ritenuta sufficiente dalla gente che sente quindi il bisogno di iniziative come questa”.