ekojournal – Free Press – News ed Eventi del Nord Ovest » ATTUALITÀ, COMUNI, Rho » Polizia Locale di Rho: lotta all’abusivismo commerciale

Polizia Locale di Rho: lotta all’abusivismo commerciale

Sequestrato un quintale di prodotti ortofrutticoli freschi al mercato.

vigiliNon si ferma la lotta della Polizia Locale contro il commercio abusivo. L’attività avvenuta a opera dell’Ufficio di Polizia Amministrativa e Annonaria della Polizia Locale di Rho ha portato al sequestro di un quintale di prodotti ortofrutticoli freschi già alle ore 07:30 del mattino durante il mercato settimanale del lunedì.

Lo scorso anno è stata sequestrata quasi una tonnellata di frutta e verdura venduta abusivamente al mercato settimanale, mentre nel 2016 sono state ben 2 tonnellate.

Gli abusivi di nazionalità cingalese si sono attrezzati con un carrello e stavano approntando già i banchi non autorizzati; il furgone, che aveva appena rifornito le cassette di 20 kg l’una, effettuato lo scarico si era appena allontanato per evitare ulteriori conseguenze tra cui proprio il sequestro del veicolo, poi è stata fatta la consegna ai singoli “ambulanti”.

Il sequestro è avvenuto prima delle singole consegne, per evitare fughe degli abusivi e possibili conseguenze per i fruitori del mercato durante le operazioni di Polizia.
Dall’inizio del 2018 sono 300 i chili di prodotti alimentari rinvenuti e sequestrati, già consegnati in beneficenza alla Caritas Cittadina e alla “Casa Famiglia”.

Vi è una vera e propria organizzazione con compiti ben definiti dedita alla vendita “sotto costo” delle derrate alimentari, in palese violazione delle regole sanitarie, fiscali e delle regole di concorrenza rispetto a chi sta lavorando correttamente con banchi di vendita regolari, per i quali paga le tasse di occupazione, pulizia ed effettua un commercio in maniera conforme alle normative vigenti.

Sempre sul fronte dell’abusivismo commerciale, continuano i controlli dei parcheggi e aree pubbliche, aree cimiteriali e parcheggi poste, centro prenotazioni uniche ASL, Ospedale.

All’atto dei controlli, in questi primi mesi, sono stati identificati e sanzionati una decina di venditori abusivi di nazionalità senegalese, sequestrati oltre un migliaio di pezzi di mercanzia varia, calze, borse, federe sciarpe, cinture, cappellini etc., prodotti di fabbricazione cinese commercializzati all’ingrosso in via Paolo Sarpi a Milano.