ekojournal – Free Press – News ed Eventi del Nord Ovest » COMUNI, Rho » Polizia Locale di Rho: fermato giovane spacciatore

Polizia Locale di Rho: fermato giovane spacciatore

A seguito del controllo del territorio con l’intervento dell’unità cinofile mirato alla prevenzione e repressione del consumo di sostanze stupefacenti.

erbaLa Polizia Locale di Rho ha fermato un cittadino lainatese 17enne per spaccio di sostanze stupefacenti dopo alcuni controlli avvenuti settimana scorsa, prevalentemente nelle aree verdi, con l’ausilio delle unità cinofile k9 dei colleghi di Milano. Sono state infatti svolte alcune verifiche mirate alla prevenzione e repressione del consumo di sostanze stupefacenti da parte di giovanissimi, che avevano portato al rinvenimento e sequestro di varie dosi di hashish e marijuana, nonché all’identificazione di alcuni giovanissimi consumatori. Sono stati quindi effettuati ulteriori approfondimenti.

Infatti, le indagini di Polizia Giudiziaria hanno accertato numerose transazioni tramite accordi telefonici e relative consegne. Sono stati verificati i contatti sugli smartphone dei consumatori verso un unico numero di cellulare, dal quale si è risalito al lainatese 17enne; lo stesso soggetto è stato quindi “attenzionato” e pedinato.

Le indagini, coordinate dalla Procura presso il Tribunale dei Minori di Milano, hanno confermato quanto ipotizzato. La perquisizione domiciliare a carico del giovane diciassettenne ha portato al rinvenimento di una decina di dosi di marijuana già confezionata per la vendita, oltre 100 grammi di droga, ma anche tutto l’occorrente per lo spaccio: 2 bilancini di precisione, bustine, tritura marijuana, denaro contante, 3 piantine di canapa indiana in fase di sviluppo e l’occorrente per la coltivazione probabilmente acquistato su internet. Le dosi venivano poste in vendita al prezzo di 5/10 Euro cadauna.

Ignari i genitori del giovane, che aveva organizzato la sua attività di produzione e confezionamento in casa, mentre lo spaccio avveniva in un parcheggio del Comune di Lainate.