ekojournal – Free Press – News ed Eventi del Nord Ovest » ATTUALITÀ, COMUNI, Lainate » Lainate: Contro lo spreco alimentare: parte il progetto “E il resto non si butta”

Lainate: Contro lo spreco alimentare: parte il progetto “E il resto non si butta”

Votato dai cittadini, proposto dai Lions di Lainate con la collaborazione di Scuola e associazioni locali

Stemma Lainate150 i chilogrammi di cibo sprecato in media annualmente da ogni cittadino italiano. 8 miliardi di euro il valore annuo del cibo che dalle nostre case, dalle scuole, dai ristoranti ecc., finisce nella spazzatura. Frutta, verdura, pane, salumi e formaggi sono alla testa dell’infausta ‘hit’ del cibo buttato.

“Insegnare a non sprecare – precisa l’assessore ai servizi alla persona Maria Cecilia Scaldalai – è un atteggiamento educativo che ogni famiglia, ogni cittadino, ogni comunità deve attuare perché l’attenzione agli sprechi è un bagaglio ‘culturale’ che costruiamo noi oggi per le generazioni future. Questi dati sono allarmanti non solo sotto il profilo economico e ambientale ma anche dal punto di vista sociale, perché a fronte di tanto spreco in Italia, e anche a Lainate, è in aumento il numero di persone e famiglie che vivono in condizioni di deprivazione alimentare, cioè a dire che c’è chi ha cibo in abbondanza e lo spreca e chi non raggiunge il sostentamento alimentare minimo”.

“Ci sembra impossibile – prosegue l’assessore – ma anche a Lainate vi sono famiglie, persone, bambini, che non sono in grado di soddisfare il fabbisogno alimentare minimo. Ogni anno l’Amministrazione distribuisce più di 100 buoni pasto alimentari, con il contributo di associazioni come Lions Club di Lainate, ASGEAAF, Croce Rossa Italiana, e inoltre Caritas col sostegno di Banco Alimentare distribuisce annualmente l’equivalente di centinaia di pasti ai cittadini lainatesi indigenti”.

E’ per tale ragione che l’Amministrazione ha promosso e sostiene il progetto ‘E IL RESTO NON SI BUTTA’, un progetto che ha ottenuto il finanziamento del Bilancio partecipativo 2017 ed è stato inserito fra le attività del Piano per il diritto allo studio 2017/18 – con lo scopo di agire concretamente per limitare e combattere lo spreco alimentare e per donare il cibo non consumato a chi ne ha bisogno per il sostentamento quotidiano.

Alle Scuole di via Litta, cominceremo con il raccogliere il cibo non consumato nelle nostre scuole, principalmente pane e frutta, e pensiamo poi di proseguire con il coinvolgimento della grande distribuzione alimentare, che può fornire grandi quantità e tipologie diverse di alimenti. Gli alimenti raccolti andranno a comporre pacchi alimentari per molte famiglie aumentando così gli aiuti alimentari già attivati.

“Il valore di tale progetto – conclude l’assessore – non risiede solamente nella lotta contro lo spreco di alimenti, e quindi nel rispetto e nella tutela della natura e dell’ambientale, ma riveste anche un importante significato sociale ed educativo, e quindi di responsabilizzazione dei cittadini, a partire dai più piccoli perché è da piccoli che si incomincia ad imparare a non sprecare, fino agli adulti che singolarmente o in forma associata contribuiscono volontariamente a farsi carico di un problema importante, e si impegnano nella ricerca e nella collaborazione per risolverlo. Quindi la rete di solidarietà che si è costituita per raccogliere il cibo non consumato e distribuirlo a chi ne ha bisogno – formata da associazioni benefiche come i Lions Club di Lainate, associazioni di volontari come L’Ape operosa, enti no profit come il Banco alimentare, Caritas, Oratori, ma anche imprese lainatesi – rappresenta un valore aggiunto al progetto e risponde all’esigenza di sviluppare un sistema di welfare che sia sempre più partecipato, quindi di comunità, in partnership pubblico/privato, che vede tutta la società coinvolta, partecipe, secondo principi di solidarietà sociale e sussidiarietà. Grazie a tutti coloro che hanno sostenuto il progetto, a quanti vorranno rendersi disponibili ed aiutare. Più numerosi siamo, meglio è! Cominciamo e fra qualche mese avremo i primi risultati”.