ekojournal – Free Press – News ed Eventi del Nord Ovest » ATTUALITÀ, COMUNI, Rho » Intitolazione a Giovanni Pesce del giardino pubblico di Corso Europa angolo via Ratti

Intitolazione a Giovanni Pesce del giardino pubblico di Corso Europa angolo via Ratti

Grande emozione e partecipazione alla cerimonia. Presente anche la figlia Tiziana Pesce.

pesceGiovedì 22 febbraio 2018, nel centenario della nascita di Giovanni Pesce (22 febbraio 1918 – 27 luglio 2007) comandante partigiano, medaglia d’oro al valor militare, l’Amministrazione Comunale e l’ANPI- Associazione Nazionale Partigiani d’Italia hanno voluto ricordare il suo grande e prezioso impegno per la libertà e la lotta antifascista con l’intitolazione del giardino pubblico di Corso Europa angolo via Ratti, in cui è posto il monumento alla Resistenza dello scultore Franco Fossa.
La prima fase dell’iniziativa si è svolta nella Sala del Camino di Villa Burba, gremita per l’occasione, alla presenza del Sindaco di Rho Pietro Romano, la Giunta comunale, i rappresentanti dell’ANPI di Rho, tra cui anche il presidente onorario Tonino Guerra, e di altre città, i rappresentanti delle Forze dell’Ordine, la figlia Tiziana Pesce e Roberto Cenati, presidente ANPI Provinciale.
Tra il pubblico erano presenti anche i due ex sindaci di Rho Arianna Cavicchioli, a cui si deve la posa del monumento alla Resistenza realizzato da Franco Fossa, e Paola Pessina, che con delibera del Consiglio Comunale votata all’unanimità ha conferito la cittadinanza onoraria di Rho, quale riconoscimento per l’impulso che – nell’autunno 1944, a capo della 106a brigata Garibaldi Sap – egli diede allo sviluppo della Resistenza antifascista nella città e nella zona di Rho.
Dopo la proiezione del toccante video sulla vita di Giovanni Pesce realizzato da Alfonso Airaghi, Tiziana Pesce, figlia di Giovanni, ha descritto le fasi più salienti della vita del padre richiamando gli ideali e i valori per cui i partigiani hanno combattuto.
Dopo il discorso della figlia ha preso la parola il sindaco di Rho Pietro Romano che ha ringraziato tutti i presenti: “E’ bello vedere la sala così piena e sapere che la gente si interessa ancora all’antifascismo. Ringrazio l’ANPI per questa iniziativa e ricordo che la città di Rho è sempre disponibile a dare spazio a questo suo cittadino illustre. E’ importante organizzare manifestazioni di questo tipo per far capire che l’antifascismo è una forza di pace e che condanna fatti di aggressione in tutti i sensi. Rho è e deve restare antifascista.”
Al termine dell’intervento di Roberto Cenati, presidente ANPI Provinciale , che ha ricordato la figura di Giovanni Pesce, la sua esperienza presso l’ANPI e la necessità di continuare con un antifascismo non violento, un antifascismo culturale e storico, si è proceduto con la seconda parte della cerimonia presso il giardino pubblico di Corso Europa.
Ad attenderli sotto la pioggia il Corpo Musicale Santa Cecilia di Passirana che ha intonato Bella ciao, l’Inno dei Partigiani e l’Inno di Mameli.
Al termine dell’Inno nazionale il sindaco e Tiziana Pesce hanno effettuato la scopertura della lapide commemorativa e la targa di intestazione “Parco Giovanni Pesce” alla presenza delle Autorità, dell’ANPI, delle forze dell’ordine e della cittadinanza.
La cerimonia si è conclusa con l’Onore al Partigiano Giovanni Pesce e le note del Silenzio.
Per l’occasione l’ANPI di Rho ha realizzato grazie all’impegno di Mario Anzani una pubblicazione su Giovanni Pesce.