ekojournal – Free Press – News ed Eventi del Nord Ovest » ATTUALITÀ » I “Pulcini di Casiraghy” – Tipografia e Poesia

I “Pulcini di Casiraghy” – Tipografia e Poesia

9 febbraio – 31 marzo 2018 Galleria Gruppo Credito Valtellinese Corso Magenta n. 59 - Milano

munariSono oltre diecimila i titoli che ha sfornato e continua a sfornare giornalmente come il pane. “È il panettiere degli editori. L’unico che stampa in giornata” ha detto di lui Vanni Scheiwiller.

La Fondazione Gruppo Credito Valtellinese inaugura, con la curatela di Andrea Tomasetig, giovedì 8 febbraio presso la Galleria Gruppo Credito Valtellinese di Milano – Refettorio delle Stelline, la grande esposizione antologica delle oltre diecimila pubblicazioni Pulcinoelefante di Alberto Casiraghy dal titolo I “pulcini” di Casiraghy. Tipografia e Poesia.

La fama e il prestigio conquistati nel tempo da Casiraghy e dalle sue edizioni Pulcinoelefante sono tali da annoverarlo tra i nomi più illustri degli stampatori italiani. Dal 1982 crea libri nella magica casa-officina brianzola di Osnago, in provincia di Lecco, in cui ogni stanza è invasa da carte, strumenti di lavoro, curiosità.

Come in un luogo d’altri tempi da Casiraghy scrittori, artisti, intellettuali, ma anche amici e persone qualsiasi si incontrano, chiacchierano e creano. Impossibile da eguagliare è il numero degli autori coinvolti nella realizzazione delle sue opere: centinaia e centinaia (lombardi di nascita o d’adozione, provenienti da tutta Italia e dal mondo) hanno lasciato e continuano a lasciare le loro tracce nei preziosi libriccini stampati e illustrati in poche copie. Enrico Baj, Maurizio Cattelan, Gillo Dorfles, Emilio Isgrò, Franco Loi, Giorgio Manganelli, Gualtiero Marchesi, Bruno Munari, Fernanda Pivano, Arturo Schwarz, Ettore Sottsass, Sebastiano Vassalli, fino a Andy Warhol e i poeti della beat generation, per citare solo alcuni nomi. Su tutti spicca il rapporto privilegiato con Alda Merini, della quale sono stati pubblicati circa millequattrocento titoli.

I volumetti nati nella casa di Alberto sono delle vere e proprie opere d’arte, frutto del lavoro di un artigiano dell’editoria che ama il libro come oggetto d’arte oltre che di cultura. Inconfondibile la struttura tipo: due fogli di carta pregiata color avorio poi piegati e cuciti a mano sul dorso per complessive otto pagine, testo composto a mano con caratteri mobili in piombo Bodoni e stampato dalla mitica macchina piana Nebiolo, in copertina titoli e una piccola immagine con interventi, quindi il breve e fulminante testo (un aforisma – lui stesso ne è un ottimo autore –, una riflessione, una poesia, ecc.), segue una grafica o un’opera originale (molte sono di sua creazione) o addirittura sorprendenti oggetti incorporati, infine il colophon con l’indicazione della tiratura che varia da 15 a 33 copie.

La mostra milanese vuole essere un omaggio al più originale stampatore italiano contemporaneo, mettendone in luce le molteplici vesti di tipografo, grafico, autore, editore e pedagogo e celebrandolo come l’erede più vicino di Bruno Munari.

Oltre duecento volumetti (molti dispiegati nella loro interezza – copertina, testo, opera grafica, colophon – per permettere di gustarli appieno), esposti con originalità insieme a un ampio numero di bozze volteggianti negli spazi espositivi a disposizione tattile del pubblico, raccontano il suo mondo. Il percorso, “all’insegna della leggerezza e della poesia” come tiene a precisare, è diviso in tre grandi sezioni: la Filosofia della vita (Saggezza, Amore, Natura); gli Amici (Scrittori, Artisti, Alda Merini); le Arti (Poesia, Musica, Arte, Gastronomia, Tipografia, Libri). La mostra è, inoltre, notevolmente arricchita con gli strumenti del lavoro tipografico (caratteri, matrici xilografiche, cliché) e con documenti originali (fotografie, disegni, lettere, manifesti, oggetti e curiosità) provenienti dalla casa-officina di Osnago.

A completamento della mostra una sala è dedicata alla proiezione de “Il fiume ha sempre ragione”, diretto da Silvio Soldini nel 2016. Il film documentario narra le vicende di due uomini, Alberto Casiraghy e il ticinese Josef Weiss, accomunati dalla passione per la tipografia.

La mostra è accompagnata da un catalogo con testi introduttivi del curatore Andrea Tomasetig e di Stefano Salis.

Nota biografica
Alberto Casiraghi, in arte Casiraghy (“per un piccolo vezzo”, ama dire lui), “è nato con piacere a Osnago” – così inizia la sua biografia – nel 1952. Oltre che fondatore della casa editrice Pulcinoelefante è anche liutaio e violinista per diletto. Ha esposto i suoi librini a New York, all’Indiana University di Bloomington, a Berlino, a Tokyo, a Lisbona e in decine di città italiane.

Coordinate mostra
Titolo: I “PULCINI” CASIRAGHY – Tipografia e Poesia

Sedi: Galleria Gruppo Credito Valtellinese
Corso Magenta n. 59 – Milano
Durata: 9 febbraio – 31 marzo 2018

Vernice per la stampa: giovedì 8 febbraio h. 12.00
Galleria Gruppo Credito Valtellinese

Inaugurazione: giovedì 8 febbraio h. 18.30
Galleria Gruppo Credito Valtellinese

Orari e ingressi: Galleria Gruppo Credito Valtellinese
da martedì a venerdì 14.00 -19.00
sabato 9.00 -11.30 (ultimo ingresso h.11)
chiuso domenica e lunedì

INGRESSO LIBERO

Informazioni al pubblico: Galleria Gruppo Credito Valtellinese
galleriearte@creval.it – www.creval.it

Mostra prodotta e organizzata dalla Fondazione Gruppo Credito Valtellinese