ekojournal – Free Press – News ed Eventi del Nord Ovest » ATTUALITÀ, COMUNI » Corso UNICEF

Corso UNICEF

Università dell'Insubria: Le sfide dell'immigrazione.

chiostroDocenti Insubria ed esperti in diritti umani insieme per educare all’accoglienza e per parlare di immigrazione e diritti di cittadinanza di minori e adolescenti.

Primo incontro 25 ottobre
Aula Magna chiostro di S. Abbondio, Como

L’Università degli Studi dell’Insubria, il Comitato Provinciale per l’UNICEF di Varese e il Comitato Provinciale per l’UNICEF di Como organizzano il terzo Corso Universitario Multidisciplinare di Educazione allo Sviluppo (Corso Cumes) “Le sfide del fenomeno migratorio: chiusura o accoglienza?”.

Il Corso si articola in cinque incontri in programma a Como, dal 25 ottobre al 13 dicembre nell’Aula Magna del Chiostro di S. Abbondio, alla presenza del Rettore dell’Università degli Studi dell’Insubria Alberto Coen Porisini, del Vicesindaco di Como Alessandra Locatelli e il Questore di Como Giuseppe De Angelis.
L’inaugurazione dei lavori si terrà mercoledì 25 ottobre 2017 alle ore 16.30. Interverranno il professor Antonio Maria Orecchia (Università degli Studi dell’Insubria) e la prof.ssa Barbara Pozzo (UNICEF).

Gli argomenti trattati declinano il tema dei migranti inquadrandolo dal punto di vista politico, storico giuridico ed economico, approfondendo il profilo dei diritti dell’infanzia, e in particolare la situazione dei minori non accompagnati. La politica dell’accoglienza viene sviluppata in ambito educativo e sociale e attraverso la presentazione di un case study.

«L’azione, in particolare di Unicef, è ispirata ai nuovi UN Sustainable Development Goals», spiega la professoressa Gilda Ripamonti, docente del Dipartimento di Diritto, Economia e Culture e coordinatrice del comitato scientifico del corso. «Il tema dell’accoglienza ha trovato storicamente primo terreno di elezione nel campo dell’integrazione scolastica ed educativacontinua la docente – ma ha assunto ormai una valenza estesa a tutti gli ambiti delle politiche sociali. Particolare interesse per gli organizzatori è dare una visione transtemporale che attraversi le diverse discipline».

I relatori saranno docenti dell’Università degli Studi dell’Insubria, esponenti dell’Unicef ed esperti esterni in diritti umani. Interverranno i professori Antonio Maria Orecchia, Barbara Pozzo, Silvia Marino, Maria Dominique Feola, Giuseppe Colangelo e Lino Panzeri dell’Università degli Studi dell’Insubria; Daniela Invernizzi, esperta di Educazione e Diritti Umani, Alessandra Borsato, Paolo Rozera, Roberto Pozzetti e Tiziana Colasanti di UNICEF.

Il corso ha un costo di 20 euro e accetta sino a 120 iscritti. La frequenza al Corso può dare diritto, a discrezione del Dipartimento e del Consiglio di Corso di riferimento, previo superamento del test conclusivo, al riconoscimento di crediti formativi per gli studenti dell’Università degli Studi dell’Insubria.
Il comitato scientifico dell’Università è formato dai professori Giuseppe Colangelo, Barbara Pozzo, Gilda Ripamonti (coordinatrice), Giulia Tiberi.

La collaborazione con la Rassegna cinematografica “Migranti – Diritto e diritti nello sguardo del cinema” organizzata dal Dipartimento di Diritto, Economia e Culture, offre l’opportunità di partecipare alla visione di film, proiettati alla fine di due dei seminari previsti e strettamente connessi con le tematiche sviluppate nel corso degli incontri. Verranno proiettati”Fuoco ammare” di Gianfranco Rosi e “Là- bas. Educazione criminale” di Guido Lombardi.
La partecipazione alla visione dei film è facoltativa, gratuita e aperta a tutti, anche a chi non si sia iscritto al corso Cumes.

Per maggiori informazioni e per iscrizioni:
http://www4.uninsubria.it/on-line/home/naviga-per-tema/didattica/altri-corsi/corsi-di-formazione/scheda2187.html
http://www4.uninsubria.it/on-line/home/naviga-per-tema/didattica/altri-corsi/corsi-di-formazione/scheda2187.html