ekojournal – Free Press – News ed Eventi del Nord Ovest » ASSOCIAZIONI, Brescia, COMUNI » Commissione Difesa Vista Onlus sostiene Race for the Cure – A Brescia la prevenzione prima di tutto

Commissione Difesa Vista Onlus sostiene Race for the Cure – A Brescia la prevenzione prima di tutto

Brescia, presso Piazzale Arnaldo e Piazza Tebaldo Brusato venerdì 5, sabato 6, domenica 7 ottobre 2018 Screening gratuiti della vista, in occasione delle iniziative di sensibilizzazione sulla prevenzione

commissione-difesaCommissione Difesa Vista Onlus fa tappa a Brescia in qualità di partner di Race for the Cure – la manifestazione simbolo organizzata dalla Susan G. Komen Italia, un’organizzazione senza scopo di lucro basata sul volontariato, che opera nella lotta ai tumori del seno su tutto il territorio nazionale.

Dal 5 al 7 ottobre, in Piazzale Arnaldo si tiene una tre giorni esclusivamente dedicata alla salute attraverso un’ampia proposta di attività, tra sport, benessere e solidarietà. CDV Onlus sostiene il progetto con la sua presenza con uno stand dedicato, proponendo screening gratuiti della vista effettuati da medici oculisti e ottici volontari. Gli screening seguiranno i seguenti orari: venerdì dalle 14 alle 18, sabato dalle 10:00 alle 18:00 e domenica dalle 9:00 alle 13:00.

La presenza di CDV Onlus s’inquadra in un ricco programma per adulti e bambini nel villaggio Race. Consulti medici ed eventuali prestazioni specialistiche gratuite, iniziative educative e ricreative e la domenica mattina si terrà la nota 5 km di corsa competitiva e amatoriale e 2 km di passeggiata per uomini, donne e bambini.

La scelta di CDV Onlus, rinnovando la sua partecipazione a Race for the Cure, interviene nel contrastare l’assenza d’informazione sulle buone pratiche di prevenzione attraverso campagne di sensibilizzazione sulla protezione degli occhi e raggiungere così un pubblico molto ampio (oltre 115.000 mila iscritti nelle 4 edizioni del 2017).

Tenuto conto che ben oltre l’80% dei deficit visivi può essere prevenuto o curato, CDV Onlus si impegna a contrastare i recenti dati allarmanti emersi dalle sue attività di screening gratuiti: circa il 40% dei cittadini non si reca regolarmente dall’oculista e quasi il 20% degli adulti indossa una correzione visiva non più adeguata alle proprie necessità. Oltretutto in particolare per i bambini la situazione è forse ancora peggiore con un 1 piccolo su 2 che non è mai stato visto da un oculista. Un dato, quest’ultimo, molto allarmante se si pensa che una condizione abbastanza diffusa come l’ambliopia, di cui soffre tra il 3% e il 4% dei bambini sotto i 5 anni, può essere curata completamente solo se diagnosticata in tenera età.

In questo senso gli screening visivi gratuiti che verranno eseguiti presso lo stand di CDV Onlus al Villaggio della Salute di Race for the Cure intendono essere di sprone ai cittadini per prestare più attenzione alla salute e al benessere dei propri occhi. In particolare gli ottici eseguiranno un’anamnesi refrattiva, l’esame della refrazione e il test di Amsler, mentre gli oculisti effettueranno un esame del fondo e della pressione oculare.

L’iniziativa di CDV Onlus non sarebbe possibile senza il supporto di partner tecnologici leader di mercato che hanno gratuitamente fornito la loro migliore strumentazione per l’esecuzione dei test visivi: ESSILOR che ha messo a disposizione due Visiotest, un frontifocometro, un autorefrattometro e un tonometro a soffio e ZEISS che ha fornito una lampada a fessura, un Visuscout per la lettura del fondo oculare e un autorefrattometro.

Commissione Difesa Vista
CDV Onlus ha come soci fondatori AIMO – Associazione Italiana Medici Oculisti, ANFAO – Associazione Nazionale Fabbricanti Articoli Ottici, Assogruppi Ottica, Assottica Gruppo Contattologia e Federottica.
La mission rimane quella che da oltre 40 anni caratterizza le attività di Commissione Difesa Vista: sensibilizzare i cittadini sui rischi derivanti da una scarsa attenzione alla salute degli occhi, promozione e realizzazione di campagne per la tutela della vista che aumentino nei soggetti più vulnerabili la consapevolezza individuale e collettiva, informazione sulle corrette pratiche rivolte al mantenimento di una buona qualità visiva, collaborazione con altri enti pubblici e privati, incluse scuole, che perseguono obiettivi simili, per fornire supporto relativamente al campo della salute e della prevenzione visiva.