ekojournal – Free Press – News ed Eventi del Nord Ovest » CINEMA, COMUNI, Milano » CIACK – Curarsi Insieme Attraverso (il) Cinema Kreativo

CIACK – Curarsi Insieme Attraverso (il) Cinema Kreativo

Al via il progetto da venerdì 12 ottobre 2018.

ciackLe emozioni che provi al cinema possono fare la differenza nella cura delle malattie neurodegenerative.

Al via da venerdì 12 ottobre 2018 la sperimentazione del nuovo progetto CIACK – Curare Attraverso il Cinema Kreativo, promosso da Fondazione Cineteca Italiana, Medicinema Italia Onlus, Centro di Neuropsicologia Cognitiva ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda e Istituto Don Gnocchi. Il progetto mira a dare benessere e sollievo alle persone affette da malattie con deterioramento cognitivo (morbo di Alzheimer).

Come? … Andando al cinema!

Il progetto CIACK, infatti, propone un uso innovativo del materiale filmico d’archivio come strumento di cura alla memoria e di assistenza al malato. Specifici montaggi di immagini d’archivio con accompagnamento musicale rivelano uno straordinario potere terapeutico.

CIACK
Curarsi Insieme Attraverso (il) Cinema Kreativo

Con lo scopo primario di conservare e valorizzare il patrimonio filmico in modo etico ed innovativo, Fondazione Cineteca Italiana collabora da anni con molteplici realtà del territorio locale e nazionale con l’intento di fare rete e di esportare la cultura cinematografica in ambiti e settori distanti da essa.

In quest’ottica rientra la collaborazione con Medicinema Italia Onlus, Centro di Neuropsicologia Cognitiva ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda e Istituto Don Gnocchi, all’interno del progetto CIACK.

Il progetto CIACK – Curarsi Insieme Attraverso (il) Cinema Kreativo, nato da una sinergia tra queste realtà, è volto a dare benessere e sollievo alle persone che nel contesto familiare assistono il malato (caregivers) dal fardello psicologico dato dall’assistenza alle persone affette da patologie con deterioramento cognitivo (Alzheimer) attraverso la visione di varie tipologie di filmati provenienti dall’archivio di Cineteca, montati secondo una logica tematica orientata verso il benessere.

Da ricerche scientifiche svolte è emerso che la terapia di sollievo con l’utilizzo del cinema e della cultura permette di formulare un percorso psicologico di supporto alla malattia, con ricaduta positiva sulle persone beneficiarie. E’ da queste sperimentazioni che prende spunto il progetto CIACK focalizzandosi in questo caso sulle malattie neurologiche, in particolare sul morbo di Alzheimer. Solo in Italia infatti circa 700.000 persone devono convivere con questa patologia e ogni anno sono circa 8.000 i nuovi casi stimati.

Il cinema è un giacimento di memorie di valore inestimabile e l’utilizzo del patrimonio filmico con finalità curative è un passo davvero importante.

La prima fase del progetto CIACK prevede la collaborazione di 50 volontari, selezionati da Fondazione Cineteca Italiana, che parteciperanno a 3 appuntamenti a partire dal 12 ottobre 2018 presso il MIC – Museo Interattivo del Cinema. Ad ogni incontro sarà richiesto ai volontari di visionare circa 75 minuti di filmati d’archivio e compilare un questionario qualitativo redatto dal Centro di Neuropsicologia Cognitiva ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda, volto a comprendere le reazioni scaturite dalla visione dei montaggi nel pubblico.

Gli organizzatori
Fondazione Cineteca Italiana è un ente organizzativo di primo piano nell’ambito dello snodo culturale di Milano. Con la sua presenza settantennale e la sua attività continua nel corso degli anni, si è posta come un presidio di cinema di qualità all’interno dell’offerta culturale cittadina di respiro europeo. Fondata a Milano nel 1947 dai registi Luigi Comencini e Alberto Lattuada con lo scopo primario di conservare e valorizzare il patrimonio filmico (che oggi consta di oltre 35000 titoli) e diffondere la cultura cinematografica, la Cineteca di Milano concentra l’attività di proiezioni a Milano e in Lombardia presso Spazio Oberdan (70.000 visitatori annuali), MIC – Museo Interattivo del Cinema (22.000 visitatori annuali) e Area Metropolis 2.0 a Paderno Dugnano (40.000 visitatori annuali). Tra i servizi che ha sviluppato vi in questi anni sono il Laboratorio di restauro e la Biblioteca di Morando, che rappresenta un unicum in Lombardia.

www.cinetecamilano.it

Centro Neuropsicologia cognitiva ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda L’équipe del centro di Neuropsicologia Cognitiva formata da neurologi, e neuropsicologi, sotto la supervisione della Prof.ssa Gabriella Bottini resposabile del centro e professoressa ordinaria pressol’Università degli Studi di Pavia, si occupa della diagnosi e della riabilitazione delle funzioni cognitive e comportamentali di diverse patologie neurologiche, sia a livello ambulatoriale sia all’interno di tutti i reparti dell’ospedale. Inoltre svolge un servizio di supporto psicoeducativo ai caregiver (le persone, spesso familiari, che assistono il malato) dei pazienti con deterioramento cognitivo.

MediCinema Italia onlus MediCinema Italia onlus nasce nel 2013 ispirandosi all’esperienza di MediCinema UK, charity attiva nel Regno Unito dal 1996. La peculiarità è quella di allestire veri spazi cinema all’interno delle strutture ospedaliere e case di cura italiane, da adibire a Progetti di terapia di sollievo e riabilitazione,per pazienti degenti e familiari.Le sale di terapia con cinema sono dotate di soluzioni particolari, come la totale accessibilità anche per pazienti allettati o in carrozzina. MediCinema Italia è attiva a Roma, Milano, Biella e Brescia, con progetti di espansione e crescita in diverse regioni. Dal 2016 gode del sostegno della Direzione Generale Cinema del Ministero per i Beni e le Attività Culturali per le attività di promozione cinematografica.

www.medicinema-italia.org

La Fondazione don Carlo Gnocchi continua a rispondere – anche con soluzioni innovative e sperimentali – ai bisogni delle persone più fragili, sostenendo il reinserimento familiare, lavorativo e sociale, e sostenendo la ricerca scientifica su temi di particolare interesse sociale. Oggi la Fondazione Don Gnocchi continua a occuparsi di varie disabilità, malattia di Alzheimer e molte altre patologie invalidanti in varie regioni d’Italia e strutture sul territorio.